Background image
Descrizione immagine

Puntiamo in alto, ossia raggiungere la pienezza di una vita con Dio che ci rende disponibili a incontrare e ad assumerci il fratello. Perchè questo si attui, occorre diventare custodi dell'umanità lontana dal Signore. Custodire vuol dire amare, fare nostri i problemi e il pianto delle persone. Così potremo diventare anime oranti che intercedono come Mosè per il popolo di Dio.

Invito alla Riparazione


Accogliamo l'invito della Vergine di Fatima che chiama alla Riparazione: Dio non ha abbandonato il mondo e oggi più che mai chiama gli uomini a farsi voce gli uni degli altri per intercedere, come Mosè, per tutta la famiglia umana. Si direbbe che è l’ora della Riparazione e perché si attui, dobbiamo stringerci in un solo intento: AMARE, per dare a Dio Padre l’amore che chiede “pietà” intercede e ripara per tutta l’umanità.

 

Con queste pagine si vuole esaltare il valore e la bellezza della preghiera dell’Atto d’Amore: 


Mio Dio, Ti amo! Abbi pietà di noi e del mondo intero!” 


Questi “Cinque secondi per Dio” hanno un valore immenso, perché ogni Atto d’Amore fatto a Dio, è preghiera di riparazione; ma si ha anche voglia di cantare tutto il fascino del carisma della Riparazione, che troviamo a pieno titolo in questa piccola preghiera vasta come il mondo.

 

Il momento che stiamo vivendo non ci consente di rimanere mediocri e la preghiera dell’Atto d’Amore per il mondo sta dando vita all’albero della Riparazione; ma che cosa vuol dire “Riparazione”?

 

La Riparazione è una chiamata che ci porta a rimanere in continua offerta al Padre, come piccole ostie, sia nella gioia, sia nelle ore tristi.

 

La Riparazione è una perla preziosa che adorna la Chiesa. Chi la trova e la vive, riceve fra le mani un tesoro che mai si estinguerà, perché da soli siamo solo peccato, ma con Cristo e in Cristo, che ci veste dei Suoi meriti, assume un valore eterno!

 

Il fuoco della Riparazione, vestito dei meriti di Gesù, è una leva potente che può sollevare il mondo, i cuori, le anime dall’abisso del nulla e dal peccato. Tutti i Santi hanno innalzato il  mondo e noi, con la grazia che ci viene da Dio, con Maria che a Fatima chiese la Riparazione e, per i meriti di Cristo Signore, con la preghiera e con l'offerta orante possiamo sostenerlo, purificarlo e renderlo più bello.

 

La Riparazione è un carisma che rimane sempre attuale, adatto a ogni epoca, perché lo Spirito lo rinnova e lo adatta ad ogni spiritualità e vocazione. Essa ci porta a pregare e lodare per chi non lo sa fare, soffrire e offrire per quelli che hanno il cuore indurito dall’odio e dalla violenza; è caricarsi del peccato altrui con amore, come Gesù che non puntò mai il dito verso i peccatori, ma fece Suo ogni peccato espiandolo fino alla morte di croce.

 

La Riparazione, vissuta nella purezza della fede, della generosità e dell’amore, fa di noi delle Anime Riparatrici, simili a strumenti di espiazione per sé stessi e per tutto il popolo di Dio, pur rimanendo piccoli e fragili uomini, continuamente esposti al vento delle forze del male.

 

L’unico mediatore fra Dio e gli uomini è solo Cristo Signore, ma innestati in Lui che si fa garante presso il Padre, anche il nostro nulla di amore e di offerta può diventare, tramite il Suo sangue versato, offerta gradita a Dio Padre, capace di dare un nuovo respiro alla Chiesa e al mondo.

 

La spiritualità riparatrice deve abbracciare e assumere con coraggio ogni realtà negativa, portarla con senso di responsabilità, perchè può fare di noi dei combattenti sempre pronti a difendere con le armi dell’offerta, della preghiera e dell’amore! È un duello, ma con Gesù e con Maria vinceremo amando e le forze del male non  prevarranno.

 

Siamo tutti chiamati a diventare l’humus del Padre

con passione riparatrice e apostolica e in Cristo,

vestirci del desiderio di Dio che vuole tutti salvi! 

- Per aderire, cliccare su "CONTATTI" nella barra del menu -